Alberto Messina. Un’Idea di Spleen

a cura di Angela Madesani
21 aprile • 12 giugno 2016

Un’Idea di Spleen è il titolo del lavoro di Alberto Messina. Si tratta di una serie di immagini ispirate dal mondo salgariano, sul quale il giovane artista è stato invitato a riflettere. Nessun tentativo di narrazione esplicita, piuttosto rimandi da cogliere a un’osservazione attenta. Sono accenni alla vita e alle opere dello scrittore veronese, morto suicida nel 1911, dopo una breve vita difficile:  «A voi che vi siete arricchiti  con la mia pelle, mettendo me e la mia famiglia in una continua semi-miseria od anche di più, chiedo solo per compenso dei guadagni che vi ho dato che pensiate ai miei funerali. Vi saluto spezzando la penna».

La penna spezzata è in una foto, posta davanti a una copia anastatica di Le meraviglie del Duemila, del 1907, un ottimo esempio libro di protofantascienza, in cui si parla del 2003: l’immaginazione corre veloce verso mondi sotterranei, macchine volanti, treni velocissimi. Ma le radiazioni elettriche sono troppo forti e i due protagonisti del romanzo non resistono a tale atmosfera. Si immagina l’inquinamento e il terrorismo.

Un cappello di paglia femminile sta su un piano di legno: un richiamo alla moglie di Emilio, Ida Peruzzi, ricoverata in manicomio poco prima del suicidio del marito. E dunque le piante, grasse, tropicali quelle che Salgari conosceva benissimo, era un esperto di quel tipo di flora: ne leggeva sui libri, perché lui in America, nei mari dei corsari, di Sandokan non c’era mai stato.

Messina coglie questa dimensione trasposta. Nessun oggetto tra quelli fotografati è appartenuto allo scrittore, si tratta di rimandi: il mare, le conchiglie, la sabbia, le bottiglie di alcolici con un pensiero nei confronti della sua propensione all’etilismo, le piante. È un lavoro fatto in casa, proprio come la letteratura di Emilio Salgari. I riferimenti potrebbero essere molti, ma uno in particolare mi pare sia evidente, quello nei confronti della fotografia dei gemelli Cavalli, nati nel 1904 a Lucera, in Puglia, poco distante dal paese del quale è originaria la famiglia di Alberto. E qui il cerchio si chiude.

Alberto Messina è nato a Milano nel 1994, da una famiglia di origini pugliesi. Dal 2013 studia Fotografia all’Istituto Europeo di Design di Milano. La sua ricerca è fortemente incentrata sullo Still life. Nel 2013 ha realizzato delle riproduzioni digitali da stampe d’archivio per Villa Borromeo Visconti Arese Litta di Lainate. Un’Idea di Spleen presso Feltrinelli Libri e Musica è la sua prima mostra personale, realizzata nel 2015.


Warning: preg_match(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 12 in /home/montrasi/public_html/wp-content/plugins/js_composer/include/classes/shortcodes/vc-basic-grid.php on line 175